Accessibilità e Catalogo di dati, metadati e banche dati - sito pacifici

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Accessibilità e Catalogo di dati, metadati e banche dati

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE > ALTRI CONTENUTI

link OBIETTIVI DI ACCESSIBILITA'

ACCESSIBILITA'

Le pubbliche amministrazioni hanno l’obbligo di favorire l’accesso delle persone disabili agli strumenti informatici. L’articolo 1 della legge 9 gennaio 2004, n. 4 “Disposizioni per favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici”, riprende il principio costituzionale di uguaglianza e afferma che “la Repubblica riconosce e tutela il diritto di ogni persona ad accedere a tutte le fonti di informazione e ai relativi servizi, ivi compresi quelli che si articolano attraverso gli strumenti informatici e telematici. È tutelato e garantito, in particolare, il diritto di accesso ai servizi informatici e telematici della pubblica amministrazione e ai servizi di pubblica utilità da parte delle persone disabili, in ottemperanza al principio di uguaglianza ai sensi dell’articolo 3 della Costituzione”.
Il recente decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese” (Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19 ottobre 2012 – Suppl. Ordinario n. 194), convertito con modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221 (S.O. n. 208, relativo alla Gazzetta Ufficiale del 18 dicembre 2012, n. 294) apporta alcune modificazioni alla citata legge 9 gennaio 2004, n. 4 e al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 recante “Codice dell’amministrazione digitale”.
In particolare l’art. 9, rubricato “Documenti informatici, dati di tipo aperto e inclusione digitale”, del decreto legge n. 179/2012 prevede una serie di modifiche sostanzialmente in ambito di accessibilità delle postazioni di lavoro e dei documenti pubblicati nei siti web delle pubbliche amministrazioni, e introduce l’obbligo, a carico delle medesime pubbliche amministrazioni, di pubblicare sul proprio sito web gli obiettivi annuali di accessibilità. Inoltre la norma assegna all’Agenzia per l’Italia digitale il compito di monitoraggio e di intervento nei confronti dei soggetti erogatori di servizi, inadempienti in ordine all’accessibilità dei servizi medesimi.
La legge n. 4/2004, con la definizione di “accessibilità” intende riferirsi alla capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari. Essa riguarda i prodotti hardware e software (compresi i siti web) delle pubbliche amministrazioni. Con il richiamo all’inclusione digitale, contenuto nella rubrica dell’articolo 9 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, si rende necessario che quest’ultima sia garantita a tutti indipendentemente dal settore 2 (pubblico o privato) e dal tipo di strumento di fruizione, con responsabilità specifiche in caso di mancato rispetto delle norme.

MODULO PER LA SEGNALAZIONE SITI INACCESSIBILI
L’Agenzia per l’Italia Digitale recepisce le segnalazioni di eventuali inadempienze relative all’accessibilità dei siti web delle PA. Qualora l’Agenzia ritenga fondata la segnalazione, richiede al soggetto erogatore l'adeguamento dei servizi erogati, assegnando un termine non superiore a 90 giorni per adempiere.
Le segnalazioni dovranno essere effettuate utilizzando un apposito modulo segnalazione di inadempienza predisposto dall’Agenzia per l’Italia Digitale. Il modulo debitamente compilato può essere inviato all’Ufficio Protocollo dell’Agenzia per l’Italia Digitale - protocollo@pec.agid.gov.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. con le seguenti modalità:

  • sottoscritto con firma digitale tramite posta elettronica o tramite PEC;

  • senza sottoscrizione, tramite PEC fornita dagli ordini professionali o Comunicazione Elettronica Certificata tra Pubblica Amministrazione e Cittadino (CEC-PAC) del titolare;

  • sottoscritto con firma autografa, stampato, e inviato con allegata copia di un documento di identità in corso di validità, tramite posta elettronica o PEC;

  • Ovvero sottoscritto con firma autografa, stampato e inviato per raccomandata A/R con allegata copia di un documento d’identità in corso di validità all’indirizzo dell’Agenzia (via Liszt, 21 – 00144 Roma);

Entro il 31 marzo di ogni anno le Amministrazioni pubbliche hanno l’obbligo di pubblicare sui propri siti web gli “Obiettivi di accessibilità” per l’anno corrente. A tal proposito, l’Agenzia per l’Italia Digitale ha emanato la circolare n. 61/2013 per informare le pubbliche amministrazioni sui nuovi adempimenti previsti dalla recente normativa. Con riferimento agli Obiettivi di accessibilità, l’Agenzia per l’Italia Digitale intende anche fornire alle pubbliche amministrazioni sia un questionario, che esse possano utilizzare per effettuare un’autovalutazione circa lo stato di adeguamento dei propri siti e servizi web alla normativa sull’accessibilità, sia un esempio di format per la pubblicazione sui siti web degli obiettivi annuali di accessibilità.

Modulo segnalazione dei siti inaccessibili

OBIETTIVI ACCESSIBILITA'
a.s. 2016

(pubblicato il 31.03.2016)

OBIETTIVI ACCESSIBILITA'
a.s. 2015

(pubblicato il 20.03.2015)

OBIETTIVI ACCESSIBILITA'

a.s. 2014
(pubblicato il 31.03.2014)

Torna ai contenuti | Torna al menu